Sei qui
Home Page > Posts tagged "uomo"

Vivere è apprendere

vivere-è-apprendere

Quando si apprende? Sempre! Ogni momento della vita, che lo si trascorra passivamente sdraiati su un divano o correndo su un prato, interagendo con qualcuno o esplorando il mondo, cercando di risolvere un problema o semplicemente fantasticando, sempre si apprende. L'identità è un universo in evoluzione come la chioma di un

Ti scelgo se mi piaci!

cucciolo-razza

Il molteplice canino come qualunque catalogo spogliato da un'effettiva convergenza di vita, rafforza e concretizza l'ideale consumistico dell'individualismo, trasformando il cane in uno dei tanti gadget e accessori che orbitano intorno all'obesità esistenziale dell'uomo occidentale. La scelta si fa proiettiva e non correlativa: voglio un cane che mi assomigli, che mi

Essere felici!

essere-felici

Ritengo che parlare di felicità negli animali non-umani non sia affatto una forma di antropomorfismo e non sia prerogativa dell'essere umano, bensì una condizione, seppur instabile, molto precaria e vulnerabile, che ci accomuna alle altre specie. Ma, allora, cosa significa essere felici e cosa, in particolare, richiede la felinità per raggiungere

Io e te, tali e quali

tali-e-quali

Un luogo comune, che ultimamente ha preteso persino l’accreditamento scientifico, vuole che cane e proprietario in qualche modo si assomiglino fino a corrispondere alla formula stereotipata del “tale quale”. Ma forse le cose sono un po’ più complesse di come appaiono. Stiamo parlando infatti di somiglianza morfologica, del tipo cane brachimorfo

Vite condivise

sentirsi-gruppo

Il cane è un animale sociale e tale carattere spicca su tutti gli altri, al punto tale che da sempre l’uomo quando ha voluto tratteggiare la fedeltà e l’immedesimazione nel gruppo ha utilizzato il codice del lupo-cane. Essere fortemente portato alle relazioni di gruppo significa molto di più della semplice affermazione

Un incontro dirompente

incontro-

Certo è che la relazione con il cane è a dir poco coinvolgente, potremmo persino definirla un tripudio relazionale, talvolta persino asfissiante e comunque non facile da sostenere perché il cane richiede presenza e attiva partecipazione. Con lui non ci si può permettere quello svogliato distacco, quella libertà di spazi,

Top