Sei qui
Home Page > Posts tagged "motivazioni"

Gli animali giocano?

immagine

Il gioco rappresenta una meta-motivazione, vale a dire una dimensione particolare, che potremmo chiamare “per finta”, all’interno della quale si esprimono diverse motovazioni.

L’aggressività come risorsa – di Roberto Marchesini

Aggressività

Oggi la redazione di www.marchesinietologia.it vi propone in anteprima il saggio di Roberto Marchesini "L'aggressività come risorsa" che apparirà nel numero in uscita di Animal Studies. Rivista italiana di zooantropologia (Apeiron Edizioni). Che cosa è l'aggressività? In che cosa si differenzia dai fenomeni di aggressione? Che ruolo ha l'apprendistato materno

Smartphone e nativi digitali. Nuovi strumenti, immutate inclinazioni

di Nicola Gianini Quando si parla di animali ci si riferisce, il più delle volte, agli animali non umani, relegando il tema a una dimensione aneddotica e suggestiva. Un approccio che testimonia come la distinzione uomo vs. animali sia ancora molto forte, dove l’interesse per questi ultimi, non di rado, è

GIS 2017 – Le cure parentali

gis 2017 le cure parentali

Testo della lectio magistralis di Roberto Marchesini tenuta in occasione della V edizione delle GIS - Le Giornate Internazionali Sulla Relazione Uomo-Animale, tenutesi a Bologna il 28 e 29 ottobre 2017. È importante fare una premessa: spesso, quando vogliamo descrivere o spiegare qualunque ambito della realtà, pensiamo che esista una spiegazione

Le motivazioni del gatto

Nell’osservare un gatto, ci aspettiamo il suo acquattarsi per poi balzare all’improvviso, il suo rincorrere tutto ciò che si muove, il suo animarsi tempestivo per un luccichio, il suo incuriosirsi per ogni pertugio, il suo appoggiarsi a noi e strusciarsi con la fronte e con il dorso. Quando diciamo gatto,

L’importanza dell’Epimelesi

importanza della epimelesi

Il cane usa la bocca più o meno come noi utilizziamo le mani: afferrare, tenere, spostare, esaminare, esplorare, portare, giocare. Quanti verbi in un solo gesto, quante azioni! Per questo, fin dal primo mese di vita, il cucciolo deve imparare ad adoperare la bocca con estrema competenza, perché non serve solo