Sei qui
Home Page > Articoli > La tristezza nel gatto

La tristezza nel gatto

tristezza-gatto

Spesso mi si chiede se anche gli animali hanno il senso della morte e la risposta non è mai semplice e non tanto per una sorta di agnosticismo o per mancanza di evidenze dirimenti, quanto perché questa domanda implica articolazioni assai più complesse di quello che può apparire di primo acchito.

Se per senso della morte intendiamo quel memento mori con cui ci roviniamo l’esistenza, sarei portato a rispondere con un netto no. Ma se il senso della morte è una sensazione più riferita al momento in cui il soggetto sta rischiando la vita o è in prossimità di concludere la sua esistenza, beh, in questo caso sarei propenso a rispondere sì. Ma è evidente che quando parliamo di un lutto, ci riferiamo a qualcos’altro, vale a dire alla sofferenza del distacco.

mamma-gatta

Sappiamo che, se una gatta è separata dai cuccioli, dopo un po’ di tempo mostra caratteristiche espressioni di disperazione, così come questi ultimi peraltro. Esistono neuromodulatori specifici responsabili di questa tendenza all’attaccamento, per esempio l’ossitocina. Nel gatto perciò non è infrequente assistere a comportamenti di chiusura e di abbattimento profondo, fino a vere e proprie condizioni di prostrazione, del tutto opposte a quelle di apertura – illustrate parlando della gioia – riferibili a stati che possiamo definire di “pena affettiva”: dovuti alla separazione, alla mancanza e alla perdita.

Questo stato è spesso il risultato immediato, oppure a progressiva insorgenza, di una condizione di carenzialità affettiva, allorché il micio debba affrontare una perdita – il fratellino o l’altro gatto con cui condivideva la propria quotidianità, il cane con cui aveva costruito un rapporto di intesa bilingue – o un allontanamento della figura referenziale, quando un familiare si allontana dalla casa oppure il gatto viene dato in adozione per un qualunque motivo, non ultimo la morte della persona.

La tristezza, può manifestarsi in diverse maniere:

i) il girovagare senza meta per la casa, quasi una sorta di sonnambulismo, come se il micio avesse perso i suoi riferimenti;

ii) l’attesa spasmodica sulla porta o sulla ciotola, come se il gatto avesse bisogno di uscire o di qualche cosa da noi, che però non si traduce nell’uscita o nella consumazione di ciò che gli offriamo;

iii) il miagolare persistente, con vocalizzazioni ad alto volume che si susseguono a un continuum più soffocato e interno, come se il gatto piangesse;

iv) l’improvviso cambiamento delle abitudini, la sonnolenza accompagnata da disturbi del sonno, il non utilizzo della cassettina;

v) la tendenza a nascondersi e ad appartarsi, senza motivo e non rifeibile alla paura o un allarme, ma semplicemente come espressione di distacco e depressione, disinteresse per tutto ciò che accade e per le relazioni;

vi) l’aumento compulsivo di comportamenti di autogrooming, fino a causare aree completamente alopeciche, accompagnato da una forte tendenza dei comportamenti centripeti, in particolare potomania e somestesia;

vii) l’insorgenza di forme di picacismo, forte interesse orale nei confronti di materiale non edibile, come elastici o altro;

viii) predisposizione alla patologie psicosomatiche, in particolare nell’area orale e urogenitale, disturbi della pelle, sensibilità alle infezioni da microrganismi saprofiti e rischio di tumori.

gatto-tristezza

La tristezza può peraltro associarsi allo stress e all’ansia, può accelerare il processo d’invecchiamento o accompagnarlo, quasi sempre è riferibile a una condizione di persistente disagio e mancanza di well-being.

Sofia Calistri
Sofia Calistri
Sono una componente della redazione che si occupa di inserire i contenuti di Roberto Marchesini all'interno di questo blog. Auguro a tutti Voi una buona lettura!
http://marchesinietologia.it

3 thoughts on “La tristezza nel gatto

    1. Buongiorno Fiammetta,
      se il gatto prova questo tipo di emozione occorre prima di tutto scoprirne le cause, in quanto sono molteplici. Nel caso in cui si tratta del distacco o la perdita di un compagno credo che la cosa migliore possa essere sia distrarre l’animale, con nuovi stimoli o prendere un nuovo gatto se è abituato a vivere in compagnia. La tristezza può anche essere,però, una conseguenza a stati di stress o paura prolungati; in questo caso occorre rimuovere l’elemento stressogeno che causa turbamento. Ti ricordo inoltre che i gatti rilasciano feromoni, che non sono altro che odori che rilasciano segnali emozionali, se un gatto spaventato rilascia tali ormoni in una stanza questi rimarranno a lungo e ogni volta che l’ individuo entra in quell’ambiente riproverà la stessa emozione. È importante in questo caso pulire o arieggiare la stanza.
      Come può notare è molto complesso il discorso e se non si conosce il profilo del soggetto e il contesto in cui vive non si può trovare una corretta soluzione, comunque se ha ulteriori dubbi non esiti a scrivermi. La nostra scuola organizza dei corsi sulla relazione felina, le scrivo il link per raggiungere la pagina Siua dedicata ai corsi. http://www.siua.it/corsi/consulente-relazione-felina/

      Le auguro una buona giornata e grazie per l’interessamento al nostro blog.
      Sofia

Lascia un commento

Top