Sei qui
Home Page > Breaking ethology > News > Il pesciolino rosso torna a nuotare grazie a uno speciale giubbotto di salvataggio

Il pesciolino rosso torna a nuotare grazie a uno speciale giubbotto di salvataggio

pesciolino-rosso

Potrebbe sembrare incredibile, ma il vostro cuore sta per essere rapito da un pesce rosso. Almeno è questo l’effetto che ha fatto su Twitter questo pesciolino disabile tornato a nuotare grazie ad una speciale «sedia a rotelle» costruita per lui da un 20enne texano che lavora in un negozio di acquari.

Le foto pubblicate sui social sono diventate subito virali, scatenando un attacco di “pucciosità”.  Ad aver portato agli onori della cronaca la storia è stata la Youtuber animalista Taylor Nicole Dean, semplicemente condividendo la chat del suo amico Derek, che ha salvato la vita di un pesce rosso con la vescica natatoria non funzionante: un disturbo che gli impediva di controllare il galleggiamento.

Quando la vescica natatoria è malformata o infettata, i pesci rossi perdono la loro stabilità: alcuni si ritrovano a galleggiare a pelo d’acqua, altri a nuotare a testa in giù o con una forte pendenza laterale. Ed essendo incurabile, Derek ha deciso di inventarsi un supporto per farlo stare dritto: una sorta di galleggiante con un cubetto di polistirolo che funge da stabilizzatore e dei pesi che lo tengono dalla parte giusta. Per farlo, il giovane ha utilizzato della semplice attrezzatura da acquario, creando una sorta di giubbetto di salvataggio. Per trovare il giusto assetto è andato per tentativi, aggiungendo o togliendo pesi e quantità di polistirolo, trovando il giusto equilibrio con il peso del pesce. Insomma, pur non essendo un matematico, Derek ha utilizzato il Principio di Archimede per salvare la vita di questo pesciolino disabile. E sono entrambi diventati due star del web.

Fonte originale: La Stampa.it

Sofia Calistri
Sofia Calistri
Sono una componente della redazione che si occupa di inserire i contenuti di Roberto Marchesini all'interno di questo blog. Auguro a tutti Voi una buona lettura!
http://marchesinietologia.it

Lascia un commento

Top